Depressione

Depressione – Cos’è?

Depressione come parola è spesso riferita a sentimenti di tristezza o di chiusura. Queste manifestazioni toccano molte aree della nostra vita e la manifestazione risiede anche in pianti frequenti. I sintomi della depressione non devono essere tutti presenti per la possibilità che sia presente questo disturbo, quindi ne bastano solo alcuni per iniziare a sentire forti disagi.

La depressione è uno degli aspetti del Disturbo Bipolare e non di rado si presenta in concomitanza con Ansia, Attacchi di Panico e nei DSA – Disturbi Specifici dell’Apprendimento nei bambini.
In infanzia prende la forma di Tristezza ed Infelicità estremi.

depressione

Depressione – I Sintomi

Vediamo in dettaglio i sintomi principali della depressione:

  • La prima manifestazione consistente in un umore depresso e in scarsa attività , come una stanchezza.
  • La perdita di piacere anche per gli interessi che prima davano gratificazione, l’abulia, è uno degli aspetti che arrivano in seguito. Molto frequentemente si instaura un sintomo importante, l’anedonia. In presenza di questo sintomo il paziente inizia a sentire stanchezza, affaticamento, mancanza di energie e si sente demotivato.
  • Si può arrivare a soffrire di un aumento o una diminuzione significative dell’appetito e quindi una perdita consistente o un aumento consistente del peso corporeo.
  • La depressione può presentare anche rallentamento o agitazione motorie che portano ad un rallentamento o una iperattività nella vita quotidiana.
  • I disturbi del sonno come dormire di più o di meno rispetto al consueto non sono rati e spesso ci si sveglia durante la notte o non ci si riesce ad addormentare; a volte si nota una sveglia precoce. Tutto questo rende il sonno poco soddisfacente.
  • Cognitivamente e Neurofisiologicamente può presentarsi la mancanza di concentrazione, difficoltà a mantenere l’attenzione e a prendere decisioni.
  • Spesso si ha il sentimento o la sensazione di sentirsi inutile, negativo o continuamente colpevole fino ad arrivare a picchi di odio verso di sé o gli altri.
  • Non è infrequente l’arrabbiarsi verbalmente con gli altri.
  • Spesso esistono pensieri di morte o di suicidio, che possono variare fra un leggero senso di mortifero fino al desiderio di morire. Si tocca il punto massimo di questo stato con la decisione del suicidio e di voler “farla finita” seguendo poi la preparazione di un vero e proprio piano per il proprio tentativo di suicidio.
  • I sintomi sono frequenti per tutto il giorno ma di rado sono presenti a tratti lungo la giornata. Forme conclamate riportano sintomi presenti almeno due settimane (15 giorni), in modo continuativo.
Spesso la depressione si manifesta associata ad altri sintomi come Ansia, Attacchi di Panico ed Ipocondria. Spesso sento parlare i genitori della depressione nel bambino ed il loro desiderio di aiutarlo a guarire dalla depressione. Infatti nell’infanzia e nell’adolescenza si riscontrano spesso in concomitanza di queste manifestazioni unite ad ADHD, Disturbi Oppositivo Provocatori, Disturbo Ossessivo Compulsivo ed altre forme di manifestazioni come la Rabbia ed il Rallentamento.

Esistono molte varianti della Depressione fra le più comuni troviamo quella stagionale che si manifesta solo in determinati periodi dell’anno, quella Ciclica nella quale la persona che soffre di questo disturbo alterna momenti di profondissima e dolorosa tristezza a momenti di riso e di grande movimento che nascondono sotto l’estrema felicità tutto il dolore.

Evidenze neuropsicologiche mostrano che esistono forme depressive che si instaurano con il calare della luce, quindi in un periodo invernale; questo tipo è anche percepito e riferito dalle persone che ne soffrono come l’essere “metereopatico”o avere una “metereopatia”, associando al calo della luce ciò che avviene con i temporali che abbassano i livello luminoso dell’ambiente. Quindi viene riferito come uno stato di depressione che si instaura quando cambia il tempo.

Cosa prova tutti questi sentimenti e questo disturbo? La depressione deriva da uno scompenso emotivo. Nel mondo delle neuroscienze non è ancora chiara l’etiologia di questi fenomeni però si è dell’ipotesi che sia, come gli altri disturbi di tipo psichico, una componente multifattoriale, ovvero, tra le cause ambientali e biologiche.

Le moderne ricerche stanno dando sempre più adito al fatto che la Depressione abbia una origine ambientale. In quanto ambientale, nonostante i farmaci, si ha una maggiore efficacia con una Psicoterapia senza farmaci o in associata al loro uso.

Il miglior modo per lo Psicologo di agire su questi disturbi è basarsi su ricerche moderne. Gli studi più “moderni” negli anni 2000 stanno mostrando una grande efficacia della Psicoterapia Psicoanalitica su questo disturbo che è molto frequente nella popolazione. Infatti il lavoro di questa psicoterapia per la depressione è focalizzata sul nucleo Inconscio e sulle ferite del dolore depressivo profondo. Questo lavoro dà maggiore stabilità al trattamento e minori probabilità di ricaduta.

Hai delle perplessità?

Puoi fare una domanda...

Commenti

commenti